Tarte tatin agli asparagi

Tarte tatin agli asparagi

Ideale come antipasto, perfetta come protagonista di un bel pic nic o aperitivo, accompagnata da un bel calice di bianco. Questa tarte tatin salata è uno sfizio primaverile che non manca mai sulla mia tavola!

Mi piace abbinare verdure e formaggi freschi creando giochi di consistenze! In questa ricetta ho usato feta greca, ma anche scamorza, asiago o caciotta rendono questa torta una vera delizia fondendosi con le verdure. L’adoro in tutte le sue versioni, zucca, carciofi, porri, cipolle, pomodori…

Quando ho tempo ne preparo due rettangolari ottenute da un unico rotolo. Una da mangiare subito, l’altra da congelare già cotta. Torna sempre utile quando ho ospiti inaspettati e voglio offrir loro qualcosa di buono come fosse appena fatto! La intiepidisco pochi minuti in forno e torna fragrante come appena sfornata.

Ingredienti:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
  • 1 mazzo di asparagi
  • 200 gr di feta (o scamorza)
  • 30 gr di parmigiano (facoltativo)

Lava gli asparagi e privali della parte legnosa con l’aiuto di un pela patate. Dispononili in una terrina capiente copri con pellicola trasparente in modo da sigillare bene l’intero perimetro e cuoci in microonde a massima potenza per 4 minuti.

Raffredda subito in acqua e ghiaccio per mantenere il colore brillante.  Scola, asciuga gli asparagi e tienili da parte.

Rivesti una pirofila con carta forno, disponi gli asparagi parallelamente. Copri con pezzi di feta tutta la superficie. Poggia la pasta sfoglia sulla feta e taglia sui bordi lasciando che sporga per circa 1 cm rispetto alla dimensione della pirofila. Incalza i lembi di sfoglia girandoli verso il basso.

Buca con la forchetta la superficie della sfoglia perchè il vapore che si crea in cottura non la gonfi in maniera disomogenea.

Inforna fino a doratura (20/25 min) a 200°.
Sforna la torta e ribaltala su un pezzo di carta forno.

Copri la sua superficie col parmigiano e inforna altri 5/6 minuti circa col grill del forno acceso perchè si dori in superficie. Puoi effettuare questo passaggio anche sostituendo il parmigiano con un filo d’olio evo. Consiglio di gustarla ancora tiepida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero intesessarti anche questi: