Sarde a beccafico a modo mio

Sarde a beccafico a modo mio

 

Sarde Beccafico

Eccomi con un’altra ricetta tipica della cucina siciliana. L’ho rivisitata a modo mio perchè non avevo uvetta in casa. Questa volta l’ingrediente che caratterizza il tutto è il limone. Ne ho candito la scorza e l’ho usata al posto dell’uvetta per dare una nota dolce e profumata al piatto. Buonissime anche con la scorza d’arancia candita al posto del limone!

Ingredienti per 4 persone

  • 700 gr di filetti di sarde
  • 2/3 Friselle o pane casereccio qb
  • 30 gr di pinoli (o mandorle)
  • Succo e scorza di 1 arancia
  • Scorza di 1/2 limone candita (vedi procedimento in coda alla ricetta)
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • Finocchietto fresco o prezzemolo
  • 4 cucchiai di olio
  • 1 spicchio d’aglio
  1. Frulla le [wprm-ingredient text=”2/3 Friselle o pane casereccio qb” uid=”2″] con [wprm-ingredient text=”1/2 spicchio d'aglio” uid=”6″], il [wprm-ingredient text=”Finocchietto fresco o prezzemolo” uid=”7″], un paio di pizzichi di sale, un po' di [wprm-ingredient text=”Succo e scorza di 1 arancia” uid=”4″] a piacere. Aggiungi i [wprm-ingredient text=”30 gr di pinoli” uid=”3″] e trita molto velocemente per lasciarli a pezzi grossi. Tieni da parte tre cucchiaiate di del composto ottenuto quindi aggiungi al trito il succo di una piccola arancia, il l[wprm-ingredient text=”Scorza di 1/2 limone candita” uid=”5″] in pezzi e  un paio di cucchiai di olio.

  2. Disponi un po' di ripieno su ogni filetto dei [wprm-ingredient text=”700 gr di filetti di sarde” uid=”1″] e arrotola.

  3. Ungi con [wprm-ingredient text=”4 cucchiai di olio” uid=”8″] una pirofila e disponi i rotolini di sarde. Ricopri col trito tenuto da parte e un filo d'olio, decora a piacere con fette di di arancia e limone.

  4. Inforna a 190°fino a doratura (ci vorranno circa 15/20 min) servile tiepide.
  5. *per il limone candito sbollenta la scorza di un limone a listarelle in acqua. Cambia l’acqua e ripeti l’operazione. In questo modo la scorza non risulterà amara. A questo punto aggiungi  1 cucchiaio colmo di zucchero, 1 bicchiere di acqua e fa cuocere a fiamma media fino a far evaporare l’acqua. La scorza deve risultare lucida. Per le dosi sopra indicate ho usato la scorza di mezzo limone conservando in frigorifero l’altra metà. Puoi decidere di usarne di più se ti piace la nota profumata del limone.
  6. Ti assicuro che non risulterà per niente stucchevole. Queste scorze candite sono buonissime anche negli impasti delle torte o per guarnire insalate di pesce! Conservale in frigorifero per circa 10 giorni o direttamente in freezer in un contenitore ermetico dove durano mesi.

Idee alternative!

Puoi sostituire il limone candito con arancia candita

Puoi aggiungere capperi al ripieno.

Puoi preparare una dose più abbondante di ripieno e conservarla in freezer. Tornerà utile per gratinare del pesce!

secondo
siciliana
pesce, sarde

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbero intesessarti anche questi:

Vuoi rimanere aggiornata con i miei consigli? Inserisci i tuoi dati qui e riceverai una mail ogni volta che ne pubblicherò di nuovi. Riceverai in via esclusiva anche il mio ebook SOS MICOONDE

Rimani aggiornata
e ricevi i miei ebook